Il progetto Cantami inizia da tre persone e nasce dalla condivisione virtuale, fra due sponde dell’oceano, di solitudini, di memorie, di lutti e di malattia a Nembro durante la prima ondata di COVID19.

Il nome del progetto

E’ ispirato dall’inizio dell’Iliade, “Cantami o Diva” e dal fatto che quest’opera fosse molto amata da una vittima nembrese del COVID19 che ha lasciato una grande eredità alla cultura nembrese.

In particolare, pur narrando la grande storia, l’Iliade è il veicolo con cui la piccola storia, quella di molte persone, viene tramandata attraverso i secoli e le culture: eroi, alcuni nati tali, altri diventati per caso; donne bellissime, alcune devote alla famiglia e alla patria, altre condannate dai loro talenti; divinità capricciose e volubili con vizi e tratti molto umani, come d’altronde l’umanità di oggi e di sempre.

Le finalità

Sono essenzialmente tre: la prima è quella raccogliere e ricordare le storie delle persone che hanno contribuito alla comunità nembrese. La seconda è l’elaborazione del lutto personale e sociale. Infine la terza è la volontà di intrecciare le generazioni per dare un senso e un futuro ai legami sociali nembresi attraverso la narrazione di memorie e ricordi.

Perchè raccogliere e ricordare le storie delle persone

Con questo progetto vorremmo, in parte, mantenere vivo il ricordo della tragedia di quei mesi ma soprattutto il ricordo delle storie degli uomini e delle donne da essa travolti. Queste persone hanno lasciato le loro impronte nella nostra comunità e nella sua storia. Vorremmo che a ogni impronta si associasse un nome, un volto, una storia.
Tutto questo non solo serve per evitare l’oblio della persona, una seconda morte ancor più drammatica della prima, ma soprattutto fornisce la base per tessere e a rafforzare la tela della nostra comunità attraverso il tempo, i luoghi e le generazioni.

L’elaborazione del lutto personale e comunitario

E’ un processo necessario e catartico: ricordando i propri cari si rinnova il dolore ma diventano più chiari i valori sui quali indirizzare il cammino, di singolo e di popolo, con l’impegno di proseguire verso il futuro. E’ un momento di crescita, personale e comunitario, per continuare ad affrontare la sfida della vita.

L’importanza della storia e della memoria nella società

Indubbiamente, la vita di ognuno di noi viene arricchita dalle circostanze, dalle persone incontrate e dalla loro storia personale che si intreccia con la nostra e con la grande storia del paese, della regione, della nazione, del mondo. Insieme, le storie intrecciate accompagnano la vita di ogni individuo tessendo un filo sottile fra persona e persona, una trama e un ordito fra generazioni, creando cosi’ una storia o una tela che trascende lo spazio e il tempo.

Recuperare le storie delle persone e mantenerne la memoria attraverso i tempi crea legami forti fra persone e fra generazioni, fornendo cosi’ le basi di una società unita, radicata e forte, proprio perchè ha una storia e ne è consapevole. Come una persona ricorda il passato chiaramente e incorpora la sua storia nel presente, cosi’ una società sana prende spunto dall’analisi accurata e senza pregiudizi della storia personale e sociale per guidare le azioni e le scelte future.